Alza gli Occhi al Cielo, con i 7 Migliori Telescopi!

Ami scrutare il cielo? Allora il miglior telescopio amatoriale è quel che fa per te.

Questo strumento è indispensabile per osservare gli astri nelle ore notturne. E, magari, per individuare un corpo celeste non ancora catalogato, dando il proprio contributo scientifico nella scoperta di nuovi pianeti extrasolari.

Infatti dato che i telescopi degli osservatori astronomici sono già oberati da intensi programmi di ricerca, grazie agli esperti in ogni parte del mondo è possibile monitorare porzioni di cielo.

Molto compatto, si trasporta con la massima facilità. È un sistema chiuso che non viene quindi influenzato da turbolenze dell’aria ed è protetto dalla polvere. Computerizzato Go-To è completamente automatico.

La piastra di Schmidt è dotata di un trattamento multistrato, che consente di ottenere immagini luminose e prive di riflessi. Il contrasto e la nitidezza favoriscono un’osservazione ottimale sia del cielo che della terra (ad esempio per il birdwatching).

Le ottiche Celestron SC hanno un rapporto di apertura di circa 1:10 e per questo sono adatte anche per l’astrofotografia.

 

 Celestron NexStar 127 SLT

Il migliore per: semplicità di utilizzo

È un telescopio Maksutov-Cassegrain computerizzato Go-To. Il suo rapporto focale spinto (f / 12) fornisce di raggiungere alti ingrandimenti con oculari di contenimento focale.

Lo strumento si presta anche all’osservazione degli oggetti del cielo profondo più luminosi e compatti. Il computer di bordo punta automaticamente impostato verso il database celeste prescelto tra gli oltre 4.000 memorizzati nel database.

Anche il montaggio è molto semplice: grazie al treppiede in acciaio pre-assemblato, il telescopio è pronto per l’uso in pochi minuti.

 

Seben Big Boss 1400-150 EQ3

Il migliore per: chi è alle prime osservazioni 

Grazie a questo telescopio riflettore, anche chi è alle prime armi aiuta ad effettuare osservazioni planetarie particolarmente dettagliate, fino a una magnitudine visuale di 13,8 M (pari a circa 5.650.000 stelle).

Il diametro dello specchio è di 150 mm e la distanza focale è di 1400 mm. È dotato di oculari Plössl (25 mm, 6,5 mm) da 31,7 mm (1,25 “). La struttura catadiottrica selezionata, insieme alla sua forma compatta, favorisce una grande maneggevolezza.

 

Celestron AstroMaster 130EQ

Il migliore per: buon rapporto qualità e prezzo

È un telescopio Newton con un motore ideale sia per l’osservazione terrestre che per quella della Luna e dei pianeti.

La qualità degli elementi ottici offre offre immagini ben definite e ricche di contrasti. Il cercatore di un punto luce consente di individuare rapidamente gli oggetti desiderati, grazie al focheggiatore di una cremagliera si può vedere un fuoco con facilità.

Il tubo viene fissato alla montatura con un comune slitta a coda di rondine.

 

National Geographic AZ 114/900

Il migliore per: accessori in dotazione

Si caratterizza per una dotazione particolarmente ricca e completa. Nella confezione sono infatti inclusi il cercatore ottico 6×30 per localizzare e centrare facilmente gli oggetti celesti, 3 oculari da 4 mm, 9 mm e 25 mm, la lente Barlow 3x per amplificare l’ingrandimento e il raddrizzatore dell’immagine con il fattore di moltiplicazione 1.5 x per la visione terrestre.

L’apparecchio è privo di aberrazione cromatica e quindi gli oggetti vengono mostrati senza colori spuri. Il manuale di istruzioni è in italiano.

 

Bresser Lyra 70/900 EQ SKY

Il migliore per: utilizzo didattico

Grazie alla montatura equatoriale EQ-Sky fornita di serie, si rivela un telescopio particolarmente indicato per uso didattico.

È dotato di una montatura equatoriale, con diametro dell’obiettivo di 70 mm e lunghezza focale di 900 mm, che esprime un rapporto focale f = 12.9: un buon compromesso che facilita l’osservazione dei dettagli.

In dotazione vi sono due oculari da 4 e 20 mm, un mirino a led, uno specchio zenitale, un filtro lunare, una lente di Barlow 3x e un software astronomico compatibile Windows.

 

Geertop F36050

Il migliore per: piccoli astronomi

No products found.

Si tratta di un telescopio rifrattore studiato per stimolare l’osservazione dei corpi celesti da parte dei ragazzi. Gli oculari con diversi livelli di ingrandimento (H20 mm e H6 mm) Mostra di osservare oggetti di varie dimensioni e siti a varie distanze.

Grazie al suo specchio, inoltre, il telescopio fornito di osservare le immagini dritte in verticale. L’apparecchio viene fornito completo di un treppiede in alluminio con gambe da 33 cm.

 

Telescopio per passione?

Gli astri hanno sempre incuriosito l’uomo fin dai tempi antichi e con uno strumento che mostra di più da vicino la volta celeste sembra proprio di poter toccare un pianeta o un astro . Ogni stella è avvolta da un incredibile fascino nascosto, che il miglior telescopio aiuta a svelare.

Negli ultimi anni, grazie alla rivoluzione digitale , il contributo dei non professionisti nello studio dei fenomeni atmosferici che avvengono sui pianeti principali del Sistema Solare è divenuto sempre più continuo e incisivo.

 

Opinioni sul telescopio?

Prima di effettuare un acquisto è bene impratichirsi leggendo qualche libro e le mappe stellari per orientarsi nei quadranti di osservazione.

Non è necessario essere in grado di individuare ogni corpo celeste, ma è importante conoscere la differenza tra satelliti , stelle e pianeti . Una volta che si familiarizza con il cielo, ci si può spingere ad acquistare il primo telescopio.

Per chi è alle prime armi, per l’osservazione di stelle colorate, di supernove e di comete può anche essere sufficiente l’assunzione di un binocolo astronomico . Ma se sei un convinto osservatore della volta celeste, il telescopio è lo strumento giusto.

Scoprirai com’è bello ritirarti con il tuo apparecchio portatile sui pendii di una montagna, lontano dai riflessi delle luci, per scrutare il cielo specie nei periodi delle meteore come gli sciami d’agosto delle Perseidi .

 

Selezionare il telescopio?

Per un principiante, l’acquisto di un telescopio astronomico può rivelarsi in un primo momento un’esperienza piena di difficoltà, a volte addirittura scoraggiante. Ci si deve confrontare con termini difficili, magari incomprensibili, magari non si conosce in modo dettagliato i principi dell’ottica.

In primis chiediamo cosa vogliamo osservare, da dove vogliamo osservare, quanto tempo abbiamo disposto per osservare, quante energie abbiamo per spingerci all’avventura in piena notte e, dettaglio non trascurabile, quanto siamo disposti a spendere.

 

Ottiche del telescopio?

Per quanto riguarda le ottiche, sul mercato possiamo perciò trovare:

  • telescopi rifrattori , con obiettivo costituito da lenti. In disuso negli osservatori professionali, sono ancora abbastanza in voga fra i dilettanti, principalmente per l’osservazione e l’ alta risoluzione dei pianeti. I modelli più economici hanno obiettivi acromatici mentre quelli di qualità montano obiettivi apocromatici (con costi di molto superiori a parità di diametro) con cui si vede le stelle nei loro colori
  • telescopi riflettori o newtoniani . Sfruttano il principio della riflessione, cioè uno specchio secondario, sono quasi lunghi e voluminosi come i rifrattori, sono ideali per l’osservazione del cielo profondo (ammassi aperti e nebulose ad emissione)
  • telescopi con ottiche catadiottriche per l’osservazione di ammassi globulari, galassie e nebulose planetarie, con un mix di alta risoluzione e cielo profondo. Questi oggetti deboli e dalle dimensioni angolari decisamente ridotte, richiederanno apparecchi riflettori ( ottiche Cassegrain ) con lunghe focali e generosi diametri, dai costi proibitivi. L’astrofilo comune difficilmente può permettersi simili strumenti, quindi il mercato propone da anni una variante più economica e diffusa, con schemi ottici compatti, i catadiottrici Schmidt-Cassegrain . Disponibili anche riflettori Maksutov-Cassegrain , più pesanti rispetto ad altri schemi ottici.

Una particolare attenzione va posta anche sulle montature, treppiedi ripiegabili e facilita da garantire, che devono garantire stabilità per evitare fastidiose garanzie. I tubi ottici vengono installati su montature altazimutali o equatoriali.