I 5 Migliori Otoscopi: Controlla l’Orecchio a Casa Tua

Se è vero che in presenza di una infezione o di una malattia all’orecchio è una buona norma farsi visitare da un medico esperto , è anche vero che avere in casa il miglior otoscopio ci dà la possibilità di identificare in modo tempestivo Orecchio.

Soprattutto se ci sono in casa dei bambini, questo dispositivo può rivelarsi davvero utile. Il mal d’orecchie è quanto di più veloce e doloroso si può provare. Nei più piccoli provoca un pianto sfrenato e disperato. I genitori in questi casi si sentono impotenti e Il fatto ha sempre una portata di mano un otoscopio dà una bella sensazione di tranquillità.

È dotato di una pratica clip con interruttore integrato acceso / spento, che consente la disattivazione automatica del dispositivo quando lo si aggancia al taschino.

La lampada è sviluppata con tecnologia alogena XHL Xenon ottimizzata, estremamente luminosa, che offre un fascio di luce bianca e concentrato. La lente orientabile lateralmente, con ingrandimento 3X, ha una superficie interna ottimizzata per l’immagine chiara e senza riflessi.

 

Otoscopio Spengler Smartlight

Il migliore per: set completo di accessori

Insieme al dispositivo vengono forniti otto coni, quattro per adulti e quattro pediatrici. Il funzionamento previsto dall’uso di due batterie LR6 AA.

La testina in abs e ottone è avvitata per un fissaggio sicuro. L’apparecchio è leggero e robusto, ed è dotato di luce allo xeno allo xeno per garantire un’illuminazione potente e omogenea.

Ha una clip di fissaggio completa di interruttore on / off integrato.

 

Otoscopio Gima Sigma +

Il migliore per: elevato campo di visione

Leggero e maneggevole, questo otoscopio è realizzato con una struttura in plastica rinforzata resistente all’urto. Le sue finiture sono in robusto acciaio.

La dotazione comprende una pratica custodia in plastica rigida che protegge lo strumento in modo ottimale anche durante i viaggi. Sono inoltre forniti dieci speculum auricolari da 2,5 e 4 mm di diametro. È alimentato con due batterie stilo AA.

 

Otoscopio Gima Parker

Il migliore per: rapporto qualità e prezzo

Questo strumento è rivelato indicato per la diagnostica di tipo otorilaringoiatriche, del naso, dell’orecchio e della gola ed è ideale per il test della membrana timpanica (con pompa opzionale).

Particolarmente robusto, è strutturato con un sistema di chiusura a vite. Lo speculum ha un diametro variabile di 2,5 – 3,5 – 4,5 millimetri. La lampadina da 2,5 V, di produzione tedesca, è regolabile con reostato. Una lente a 3X, rimovibile, completa l’offerta.

 

 

Awans Mini Otoscopio

Il migliore per: molto compatto

È uno strumento pratico, maneggevole, ideale per l’uso domestico. Tra l’altro, richiede un investimento molto contenuto. Ha una luce alogena da 2,5 V, con lampadina di lunga durata.

Viene fornito con sei speculi monouso in plastica. Si può appendere comodamente alla tasca grazie ad una robusta molletta.

Nella confezione si trova anche una pratica custodia in tela che può contenere lo strumento insieme a tutti i suoi accessori.

 

Che cos’è un otoscopio?

Un otoscopio è uno strumento medico usato per indicare il condotto uditivo. Richiedere immediatamente individuare eventuali problemi o, dando così la possibilità di avvisare tempestivamente il medico.

Questo tipo di strumento è dotato di una punta allungata per la visione chiamata speculum , a cui si affianca una luce e una lente di ingrandimento per illuminare e controllare il condotto uditivo.

Ciò che caratterizza questo dispositivo è la sua lente: deve essere abbastanza potente per fornire una buona osservazione del canale uditivo, nel modo più completo possibile, e con cui può eventualmente osservare la presenza di foruncoli o arrossamenti localizzati.

 

Opinioni sull’otoscopio?

In caso di predisposizione ai disturbi dell’orecchio, il miglior otoscopio consente di tenere sempre tutto sotto controllo , senza muoversi da casa.

I sintomi dei disturbi che interessano il canale uditivo, infatti, non sono sempre gli stessi. E a volte sono anche troppo deboli per poter essere rilevati. In questo caso, se non diagnosticata e non trattata, l’ utente minore può degenerare in una grave complicazione.

Sembra proprio che ogni genitore debba avere un ruolo più attivo nel monitorare la salute dei propri figli, piuttosto che delegare questo compito assegnato al medico. È anche un modo per vivere più serenamente e con molta meno apprensione eventuali sintomi.

 

Otoscopio in casa?

Ci si può chiedere se una persona senza una particolare preparazione e priva di competenze mediche sia in grado di usare un otoscopio e di eseguire così un’ispezione dell’orecchio ai propri figli o agli altri membri della famiglia.

La risposta è: sicuramente sì. Grazie a questo dispositivo si può cominciare a capire le motivazioni di un eventuale malessere, soprattutto se ciò capita in un orario in cui l’ambulatorio pediatrico o medico è chiuso.

Inoltre basta dare un’occhiata ai siti che accolgono i test ei punti di vista delle madri che lo usano, per leggere, a questo proposito, un coro unanime di “sì”: la risposta arriva da chi ne fa un uso abituale e poi pubblica le sue esperienze online.

 

Perché acquistare l’otoscopio?

Prevenire per non soffrire. Potrebbe essere questa la motivazione che spinge all’acquisto di questo genere di apparecchiature.

Se il bambino piccolo inizia a strillare e, quando gli si tocca l’orecchio, strilla ancora più forte, con un otoscopio si può iniziare a capire se il problema è proprio lì. E, in caso di dubbio, si consiglia di consultare il pediatra anche per sintomi lievi.

La possibilità di scoprire in anticipo le infezioni dell’orecchio nelle prime fasi, piuttosto che recarsi in emergenza in ospedale, dà senza dubbio una bella sensazione di tranquillità . E, per farlo, bastano pochi gesti.

 

Utilizzo dell’otoscopio?

Per una prima diagnosi fai da te, si consiglia di confrontare l’orecchio dolorante con quello sano. In questo modo si ha la possibilità di capire in tempo reale se si trova in presenza di qualcosa di inusuale, come un semplice rossore, o di un’infiammazione a uno stadio più avanzato.

Prima di effettuare un’ispezione del canale uditivo, si fa sedere il paziente. Chi utilizza l’otoscopio dovrebbe invece stare in piedi: in questa posizione è più agevole maneggiare lo strumento e chiaramente visibile ogni punto.

Per ispezionare con agio l’interno dell’orecchio, si tira leggermente il lobo. È necessario poi inserire con la necessaria attenzione lo strumento, facendo penetrare delicatamente la sua punta fino a quando non si esegue un vedere il timpano alla fine del canale.

Una volta che, grazie a questo primo controllo, si identifica un rossore o addirittura una sospetta infezione, si fornisce un comunicato prontamente allo specialista per la diagnosi. Il medico, a questo punto, potrà fare una prima anamnesi e fornire le indicazioni operative in attesa di visitare il piccolo.